Credito imprenditori agricoli, firmata la convenzione

Regione, ISMEA, ABI e Istituti bancari regionali in rete per l'attivazione di strumenti creditizi innovativi

Campobasso, Sala Protezione Civile. Un momento dell'incontro che ha preceduto la firma della convenzione
Campobasso, Sala Protezione Civile. Un momento dell'incontro che ha preceduto la firma della convenzione

Individuazione di strumenti creditizi innovativi ed adeguati alle esigenze di accesso alle misure di sostegno agli investimenti previsti nel PSR 2007-2013 della Regione Molise; definizione di procedure e condizioni di accesso al credito snelle e vantaggiose per le imprese; creazione di una rete di garanzia che sostenga le imprese nel processo di rilancio del settore agricolo e di agroalimentare; realizzazione di iniziative di informazione, formazione ed aggiornamento degli operatori del settore creditizio agricolo, sulle possibilitą offerte dal PSR 2007-2013 e sugli accordi stessi.
 
Sono questi gli ambiti operativi della convenzione sottoscritta da Regione Molise, ISMEA, gestore del Fondo nazionale di garanzie per l'Agricoltura, Associazione Bancaria Italiana e Istituti bancari regionali, per l'attivazione di strumenti innovativi per l'accesso al credito a beneficio delle aziende agricole molisane.
 
L'obiettivo č quello di avviare sul territorio regionale un volano finanziario, che consenta alle aziende di poter accedere facilmente al credito al fine di innovare e diversificare la propria produzione e renderla, quindi, capace di reggere il confronto con i mercati nazionali ed internazionali. La sottoscrizione della convenzione č stata preceduta da un incontro che ha avuto luogo ieri presso la Sala convegni della Protezione Civile a Campobasso e che ha visto la partecipazione dei soggetti partner dell'iniziativa. Per la Regione Molise sono stati presenti il Presidente Iorio e l'Assessore all'Agricoltura Cavaliere, oltre al Direttore generale Antonio Francioni.

"Siamo qui per realizzare - ha dichiarato Iorio - un altro importante passo in avanti su quel percorso intrapreso da tempo per il sostegno al mondo delle imprese e, particolarmente, a quelle agricole. Un percorso che abbiamo voluto seguire con convinzione, soprattutto in questo momento di difficile congiuntura economica, facendo una scelta ragionata tra il rispettare i canoni asfittici del Patto di stabilitą, non spendendo i soldi a disposizione per rispettare i flussi predeterminati, o decidendo di dare «ossigeno» finanziario e sostegno economico ai vari settori costretti ad affrontare la crisi in atto.  Abbiamo scelto la seconda opzione e ne siamo fieri, anche se stiamo lavorando per porci in linea anche con i vincoli del Patto. Stessa scelta abbiamo fatto con i fondi FAS 2007-2013, anticipando sessanta milioni di euro".

Soddisfatto l'Assessore Nicola Cavaliere. "Si tratta - ha detto - di strumenti molto importanti per gli imprenditori agricoli che in questa maniera potranno beneficiare di un canale pił rapido e meno oneroso per l'accesso al credito".
"In un momento di forte congiuntura negativa
- ha aggiunto - tutto ciņ rappresenta un segnale forte del Governo regionale a favore dell'intero settore".


 

condividi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO