Sanità in Molise, svincolati premialità 2006-2007 e fondo accompagno 2008-2009 per un valore complessivo di 80 milioni

Frattura: "Per la prima volta un giudizio positivo che ci consente di portare a casa 80 milioni di euro per la riqualificazione della nostra sanità"
Frattura: "Per la prima volta un giudizio positivo che ci consente di portare a casa 80 milioni di euro per la riqualificazione della nostra sanità"

Campobasso, 30 luglio 2015   -   Risanamento e riorganizzazione del servizio sanitario regionale del Molise: dai Ministeri della salute e dell'economia arriva il riconoscimento del lavoro condotto nell'ultimo anno. Si conclude con un esito positivo per la Regione e la struttura commissariale il tavolo tecnico di verifica degli adempimenti previsti nel Piano di rientro dal disavanzo sanitario in riunione questa mattina a Roma. Per effetto della compilazione e della predisposizione di tutti gli adempimenti richiesti alla Regione Molise sono stati svincolati le premialità 2006-2007 e il fondo di accompagno 2008-2009 per un valore complessivo di circa 80 milioni di euro, subordinati all'imminente approvazione da parte del Cipe, auspicabilmente nella prossima seduta convocata per il 7 agosto, della riprogrammazione dei 55 milioni di fondi fas destinati dalla Regione alla copertura di parte del disavanzo sanitario al 31 dicembre 2009.

"Impegno e costanza hanno prodotto il risultato che da tempo attendevamo: il tavolo ha riconosciuto il lavoro svolto, prendendo atto del fatto che abbiamo attivato un percorso di risanamento che sta portando a un complessivo miglioramento di tutti i dati", il commento del presidente Paolo di Laura Frattura.

I Ministeri hanno infatti registrato un miglioramento di gestione, tra il 2014 e il 2013, pari a circa 30 milioni. "Ripresa riconosciuta per ogni singola voce di bilancio", aggiunge Frattura.
Pareri favorevoli anche sul versante prettamente sanitario: il tavolo ha evidenziato il miglioramento dell'appropriatezza dei servizi come degli indicatori sanitari, a cominciare dalla riduzione del tasso di ospedalizzazione.

"Per la prima volta un giudizio positivo che ci consente di portare a casa 80 milioni di euro per la riqualificazione della nostra sanità. I risultati cominciano ad arrivare a beneficio di tutti i molisani", conclude con soddisfazione il presidente Frattura.

Alla riunione hanno preso parte per il Molise, con il presidente Frattura, il subcommissario Gerardo di Martino, il direttore generale della salute Marinella D'Innocenzo e i dirigenti regionali Lolita Gallo (gestione sanitaria accentrata), Antonella Lavalle (farmaceutica) e Francesco Sforza (accredimento).


 
 
 
 

condividi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO