Vivi il Molise - Tradizioni e Feste


Scapoli, Festival Internazionale della Zampogna

Vetrina, motore, luogo di scambio, il Festival di Scapoli ha occupato un ruolo strategico nel momento in cui uno strumento musicale come la zampogna rischiava di scomparire o di restare confinato in un ambito d'interesse riservato pressocchè unicamente agli etnomusicologi e a pochi appassionati. La manifestazione, nata nel 1975 come Mostra Mercato, venne integrata nei primi anni '90 con un Festival di respiro sempre più internazionale che, facendo giustizia di una visione riduttivamente folcloristica della zampogna e del suo contesto di appartenenza, ha sdoganato questo antichissimo e tutt'altro che modesto strumento musicale, da un lato recuperandone autenticità, valore e ruolo nell'ambito della cultura popolare tradizionale, dall'altro rendendolo attraente per il gusto e la sensibilità musicale del nostro tempo.



In altri termini, lo ha attualizzato senza tuttavia fargli perdere la propria anima e le proprie radici; ciò grazie a una caratterizzazione fortemente culturale impressa storicamente all'evento e che si può sinteticamente riassumere nell'essere riusciti a far emergere, dietro l'immagine stereotipata del pastore in cappa e cioce, l'esistenza di repertori musicali espressione di tradizioni religiose e profane radicate nelle comunità dell'Appennino Centro-meridionale, riconoscendo negli zampognari autentici portatori di cultura, testimoni ed interpreti di quelle stesse tradizioni; nell'aver promosso il confronto della zampogna con la creatività musicale contemporanea; nell'aver contribuito a stimolare la sperimentazione e l'innovazione che hanno poi portato alla messa a punto di nuove tecniche costruttive e al raggiungimento di nuove espressività timbriche ed armoniche dello strumento con la conseguente possibilità di creare nuovi repertori che tradendo la tradizione continuamente la rinnovano.



Un evento come quello di fine luglio a Scapoli, però, non è solo laboratorio culturale o luogo di incontro e di scambio. Esso è anche occasione di divertimento all'insegna di suoni, colori e sapori che riempiono i vicoli e le piazzette del piccolo borgo fondato, sul finire del X secolo, dai monaci di San Vincenzo al Volturno ai piedi del massiccio protettivo e luminoso delle Mainarde. Inoltre, richiamando a Scapoli un pubblico numeroso, affezionato e motivato, proveniente da ogni parte d'Italia e anche dall'estero, la Mostra Mercato e il Festival costituiscono un potenziale volano dell'economia locale attivando un flusso turistico qualificato e sostenibile. Infine, rispetto ad altri eventi musicali "zampognari" o più genericamente "etnici" nati un po' ovunque in Italia negli ultimi anni, la manifestazione di Scapoli ha dalla sua almeno due punti di forza in più. Il primo è nella sua lunga continuità cui è strettamente connesso l'aver mantenuto fissa nel tempo la data di svolgimento, l'ultima domenica di luglio, alla quale, sempre a partire dai primi anni '90, si è andato aggiungendo l'intero fine settimana. Il secondo, come viene riconosciuto da più parti, è nell'aver saputo riconoscere e comunicare un elemento cardine della nostra identità più originaria (la zampogna) e costruire su di esso operazioni strategiche e colte capaci di diventare marketing territoriale.

Provincia di Isernia Provincia di Campobasso


Enti Promozione Turistica

Enti Regionali di Promozione Turistica: Consorzio Turistico ATM - COMOLTUR - Acque Chiare - Consorzio Molise Promozione - Consorzio Turistico Molse Natura - Korai

Contatti

Gli Uffici, i Numeri Telefonici, Fax, e-mail - Come Comunicare con l'Assessorato al Turismo

Crediti

Il Portale Turistico della Regione Molise è stato realizzato dall'Assessorato al Turismo ...