LEGGE REGIONALE 8 aprile 2003, n. 13.
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialità
TitoloInterventi per la qualificazione delle stazioni sciistiche e del sistema turistico degli sport invernali della Regione Molise.
OggettoImpianti sportivi invernali - Qualificazione ambientale e sportiva - Sicurezza - Formazione professionale degli operatori - Interventi -Disciplina.
BollettinoBOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 8 del 16 aprile 2003
Catalogazione23.Ordinamento sportivo e promozione dello sport
AbrogazioniAbrogato art. 7 dalla legge n. 2/2011 art. 1
ModificheModificato art. 1 dalla legge n. 2/2011 art. 1
Modificato art. 6 dalla legge n. 2/2011 art. 1
Modificato art. 8 dalla legge n. 2/2011 art. 1
Modificato art. 9 dalla legge n. 2/2011 art. 1
Modificato art. 10 dalla legge n. 2/2011 art. 1
Modificato art. 12 dalla legge n. 2/2011 art. 1


Art. 1

(Finalità)


1. La presente legge disciplina interventi per il miglioramento delle stazioni sciistiche, delle piste da sci e degli impianti a fune, nel contesto delle politiche regionali di promozione turistica, di valorizzazione delle risorse paesaggistiche ed ambientali, di sostegno all'occupazione e allo sviluppo economico e sociale della montagna.

2. Alle finalità previste dal precedente comma concorrono Regione, Province e Comuni attraverso la predisposizione di specifiche previsioni programmatiche e piani operativi di intervento.


Art. 2

(Obiettivi)


1. La Regione Molise, considerato che il turismo e le attività connesse all'esercizio degli sport invernali rappresentano elemento di sviluppo economico e sociale, persegue, nell'ambito della programmazione strategica per lo sviluppo delle aree montane, nonché nel rispetto dell'ambiente, interventi di sostegno alle stazioni invernali ed al sistema sciistico, rivolti al conseguimento dei seguenti obiettivi:

    a) favorire la qualificazione ambientale e sportiva delle stazioni invernali e delle aree sciistiche della Regione;

    b) sostenere l'ammodernamento, la razionalizzazione e l'adeguamento degli impianti a fune, delle altre attrezzature di trasporto e della produzione della neve, gli altri servizi delle stazioni sciistiche e dei Comuni interessati al turismo invernale;

    c) assicurare la fruizione in sicurezza delle stazioni sciistiche e garantire un corretto esercizio di tutti gli sport invernali;

    d) accrescere la capacità turistica, durante tutto l'arco dell'anno, delle stazioni sciistiche della Regione;

    e) promuovere e qualificare gli sport invernali in ambito agonistico ed amatoriale nel rispetto dell'ambiente e del paesaggio della montagna molisana.

Art. 3

(Impianti sportivi invernali)


1. Ai fini della presente legge sono considerati impianti sportivi invernali:

    a) gli impianti di risalita, tutti gli impianti di trasporto a fune e gli altri impianti destinati al trasporto delle persone nelle stazioni sciistiche;

    b) le aree sciistiche, che sono superfici, aperte al pubblico e destinate alla pratica degli sport invernali, quali:


      Ø lo sci nelle sue varie discipline (SCI ALPINO e SCI DI FONDO);

      Ø la tavola da neve (SNOWBOARD);

      Ø la slitta e lo slittino.


    Sono altresì aree sciistiche gestite le aree destinate alle attività ludiche dei bambini, quali "baby park", "asili sulla neve" ed altre attività sportive sulla neve;

    c) altri impianti sportivi invernali, quali gli impianti per lo sport del ghiaccio.

Art. 4

(Sicurezza sulle piste e sugli impianti)


1. La sicurezza sulle piste e sugli impianti di cui all'art. 3 è assicurata dai gestori degli impianti che vigilano, informandone gli organi competenti, sull'osservanza delle norme di cui al Decreto Ministeriale del 30 novembre 1970: "Disposizioni per il comportamento degli sciatori che si servono degli impianti scioviari".

2. La Giunta regionale, d'intesa con gli Enti locali e le associazioni delle categorie professionali o volontarie operanti nelle stazioni sciistiche della Regione, adotta, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, apposito regolamento sulla sicurezza per gli impianti sportivi invernali.


Art. 5

(Formazione professionale)


1. La formazione degli operatori delle stazioni sciistiche costituisce strumento per la promozione della qualità e dell'efficacia degli interventi e dei servizi del sistema turistico invernale regionale con l'obiettivo di creare nuove opportunità occupazionali.

2. La Regione, nell'ambito delle proprie competenze in materia di formazione professionale, in accordo con i Comuni sedi di stazioni sciistiche, i gestori degli impianti, le associazioni sindacali e di categoria interessate, promuove la formazione degli operatori delle stazioni sciistiche.


Art. 6

(Programma regionale)


1. La Giunta regionale, tramite accordi di programma con le Province ed i Comuni interessati, adotta il programma triennale degli interventi. Il programma sentita la competente Commissione consiliare, è approvato entro il mese di gennaio di ciascun triennio.

2. Il programma triennale individua sulla base degli interventi di cui al successivo art. 8 e nell'ambito delle risorse che saranno definite nella legge di approvazione del bilancio regionale:

a) gli interventi prioritari;

b) le caratteristiche tecnico-finanziarie dei progetti;

c) i criteri e le modalità per l'assegnazione dei contributi ed i tempi di realizzazione.

3. Eventuali modifiche all'ordine di priorità indicato nel programma triennale, rese necessarie da oggettive difficoltà che attengono alle condizioni di fattibilità, possono essere autorizzate dalla Giunta regionale purché non alterino i criteri programmatici posti alla base della formulazione del piano stesso.

4. Per l'anno 2003 la Giunta regionale approva un piano stralcio, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, d'intesa con i Comuni interessati, al fine di garantire il corretto funzionamento delle stazioni sciistiche.


Art. 7

(Funzioni delle province)


1. Le Province, titolari delle funzioni amministrative in materia di impianti a fune di cui all'art. 91 della legge regionale n. 34/1999, sentiti i Comuni sedi di stazioni sciistiche, predispongono entro il 31 marzo di ogni anno il piano operativo annuale di intervento da formulare alla Regione, in base alle domande dei soggetti di cui al successivo art. 9.

2. Le Province, al fine di attuare i principi della presente legge, oltre a definire i piani provinciali di intervento annuali, predispongono piani pluriennali per assicurare il raggiungimento degli obiettivi di cui all'art. 2 e la riorganizzazione delle stazioni sciistiche.


Art. 8

(Interventi finanziabili)


1. Per il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla presente legge, la Regione Molise concede, sulla base delle priorità di cui all'art. 6, contributi per:

    a) sistemazioni ambientali, anche con interventi di ingegneria naturalistica e sentieristica annessa e connessa agli impianti, realizzazione, adeguamento e inerbimento delle piste per la pratica dello sci alpino e dello sci di fondo;

    b) interventi di revisione periodica degli impianti di trasporto a fune o sostituzione anticipata degli stessi;

    c) manutenzione e razionalizzazione delle piste, della segnaletica, delle opere di protezione, dei parcheggi e delle vie di accesso agli impianti;

    d) demolizione di impianti di risalita dismessi e relativo ripristino ambientale;

    e) realizzazione nelle aree sciistiche di:


      1) impianti a fune;

      2) opere accessorie agli impianti a fune, compreso il loro ampliamento, ammodernamento o riconversione;

      3) impianti per la produzione di neve programmata;

      4) impianti per lo sport del ghiaccio;


    f) realizzazione di interventi ricompresi in un progetto unitario, contenente due o più azioni di cui ai precedenti punti e tali da produrre, nell'ambito complessivo del territorio montano nel quale sono inseriti, due o più dei seguenti effetti:

      1) l'aumento dell'efficienza, della qualità e della sicurezza del servizio offerto;

      2) la riduzione dei costi di esercizio degli impianti;

      3) la riduzione dell'impatto ambientale;

      4) l'aumento delle condizioni di sicurezza degli sciatori;

      5) la razionalizzazione del sistema degli impianti esistenti;


    g) manutenzione ordinaria e straordinaria degli altri impianti sportivi invernali di cui al precedente art. 3, ivi comprese le piste (per lo sci alpino e per lo sci di fondo);

    h) realizzazione di iniziative di collegamento tra stazioni sciistiche, quali:


      Ø skipass comune;

      Ø gestione associata di servizi;


    i) acquisto di attrezzature complementari alla fruizione turistica invernale del territorio montano, quali mezzi per il soccorso, per la manutenzione delle piste, per il miglioramento delle tecnologie informatiche ed altre attrezzature.
Art. 9

(Soggetti beneficiari)


1. I contributi regionali sono assegnati:

    a) ai Comuni sedi di stazioni sciistiche;

    b) alle Province;

    c) ai soggetti pubblici e privati che siano proprietari degli impianti o delle relative aree, ovvero gestori degli stessi o di impianti e attrezzature di servizio;

    d) alle società sportive di cui all'art. 2 della legge regionale n. 26 del 25 maggio 1990.

Art. 10

(Misura dei contributi)


1. Gli. interventi sono finanziati secondo le seguenti misure:

    a) per gli interventi di cui alle lettere a), b), c) e g) dell'art. 8, contributi fino al 50% della spesa ammissibile;

    b) per nuovi progetti ed interventi di cui alle lettere e), f) ed i) dell'art. 8, contributi fino al 60% della spesa ammissibile;

    c) per gli interventi di cui alle lettere d) e h) dell'art. 8, contributi fino al 40% della spesa ammissibile.


2. La Giunta regionale con specifiche direttive stabilisce le modalità ed i termini per la presentazione delle domande, i principali requisiti di fattibilità, i criteri di valutazione, i criteri e le modalità operative per l'assegnazione dei contributi.

Art. 11

(Snellimento delle procedure)


1. Al fine di semplificare l'attività amministrativa connessa agli interventi di cui alla presente legge, nonché per effettuare un esame contestuale dei diversi interessi pubblici coinvolti, la Giunta regionale promuove le conferenze di servizi necessarie allo snellimento delle procedure.

2. La Giunta regionale, al fine di curare l'attuazione degli interventi di cui alla presente legge, adotta modalità organizzative consone a garantire tutte le competenze nelle materie disciplinate dalla presente legge, nonché quelle in tema di autorizzazioni e pareri in campo urbanistico necessari per gli interventi di ammodernamento, realizzazione o adeguamento di impianti, piste e strutture accessorie.


Art. 12

(Norma finanziaria)


1. Agli oneri derivanti dall'attuazione della presente legge si fa fronte, nella parte spesa del bilancio regionale, con la somma di Euro 500.000,00 da collocarsi nelle unità previsionali di base (UPB) che saranno dotate delle necessarie disponibilità con il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2003.

Art. 13

(Pubblicazione)


1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise.

2. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191