Legge Regionale 5 Novembre 1976, n° 31
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloFondo di solidarieta' regionale in agricoltura
OggettoAgricoltura - Calamita' naturali o avversita' atmosferiche eccezionali - Fondo di solidarieta' - Istituzione - Disciplina
BollettinoBollettino Ufficiale n° 21 del 16/11/76
Catalogazione01.Agricoltura, foreste, zootecnia, bonifica e irrigazione
ModificheModificato art. 7 dalla legge n. 37/1977 art. 1


Art. 1

La Regione Molise istituisce un <<Fondo di Solidarieta' Regionale in Agricoltura>> per consentire, in caso di calamita' naturali o avversita' atmosferiche eccezionali, la piu' sollecita attuazione degli interventi previsti dall'art. 1 della legge 25 Maggio 1970, n. 364 a favore delle Aziende agricole colpite.

A tal fine e' autorizzata l'erogazione da parte della Regione di anticipazioni delle provvidenze dello Stato previste dagli artt. 3, 4, 5, e 7 della legge 25 Maggio 1970, n. 364.


Art. 2

Il riconoscimento della eccezionale calamita' naturale o avversita' atmosferica la delimitazione delle zone danneggiate, ai fini delle provvidenze previste dalla presente legge, e' adottato con deliberazione della Giunta Regionale, sentita la competente Commissione Consiliare.

Tale provvedimento costituira' proposta al Ministro per l'Agricoltura e le Foreste e per l'emanazione del decreto di cui all'art. 2 della legge 25 maggio 1970, n. 364.

Nei casi di mancanza del decreto interministeriale di riconoscimento dell'evento calamitoso o dall'avversita' atmosferica eccezionale o di parziale accoglimento della proposta della Regione cosi' come risultante dal provvedimento di delimitazione territoriale, la Regione assume a proprio carico l'onere delle somme anticipate e non reintegrabili.

Analogamente faranno carico al bilancio regionale eventuali somme anticipate eccedenti le disponibilita' assegnate alla Regione in applicazione della legge 25 maggio 1970, n. 364.


Art. 3

La Regione concede, a titolo di anticipazione, le agevolazioni contributive in conto capitale di cui all'art. 5, secondo comma della legge 25 Maggio 1970, n. 364, con le modalita' ed i criteri ivi previsti.

Tali contributi, graduati e rapportati al danno subito, non potranno superare l'importo di L.500.000.


Art. 4

La Regione anticipa ad aziende comprese nelle zone delimitate, ai sensi del perdente art.2, il concorso negli interessi sui prestiti di cui agli artt. 5 e 7 della legge 25 Maggio 1970, n.364, sino ad un ammontare dei prestiti stessi non superiori ai 10 milioni per ciascuna azienda.

A tal fine la Giunta Regionale stipula apposita convenzione con gli Istituti prcedenti il credito agrario.

Sono a carico della Regione eventuali interessi sulle somme anticipate per il periodo compreso tra l'erogazione delle anticipazioni e l'effettivo accreditamento delle somme da parte dello Stato.

Gli Istituti esercenti il credito agrario in base alla quota di concorso negli interessi, riscossa su fondi statali per le operazioni di cui al primo comma, procedono, nei confronti dell'Amministrazione Regionale, al conguaglio degli interessi corrisposti dall'Amministrazione stessa.


Art. 5

Entro 60 giorni dalla data di pubblicazione, nel Bollettino Ufficiale della Regione, della deliberazione della Giunta Regionale prevista dal primo comma dell'art. 2, le domande per la concessione delle provvidenze di cui agli articoli precedenti debbono esse presentate agli Ispettorati Provinciali per l'Agricoltura competenti per territorio, anche per il tramite dei Comuni e degli Uffici agricoli di zona.

Gli Ispettorati Provinciali per l'Agricoltura competenti per territorio eseguiranno i rilevamenti e la valutazione dei danni e ogni altro accertamento utile alla istruttoria delle pratiche, secondo quanto previsto dalle norme statali in materia, nel termine di 60 giorni dalla ricezione delle domande.

Alla concessione delle anticipazioni di cui ai precedenti articoli 3 e 4 si provvede con deliberazione della Giunta Regionale.


Art. 6

Gli interventi di cui alla presente legge si applicano anche agli eventi verificatisi nel 1976.


Art. 7

All'onere derivante dall'applicazione della presente legge, calcolato in presente L. 400 milioni, si provvede con l'iscrizione al Titolo 2° - Sezione V - Rubrica n. 12 Settore 1° del nuovo capitolo di spesa n. 1755 <<Fondo di Solidarieta' Regionale e in Agricoltura>> previa riduzione degli stanziamenti dei capitoli di spesa appresso indicati:

Cap. 1060 <<Spese per provvedere alla manutenzione e al ripristino di opere di bonifica e di miglioramento fondiario>> 200 milioni

Cap. 1140 <<Spese per l'attuazione degli interventi di rimboschimento e di ricostruzione boschiva nei perimetri dei bacini montani e dei comprensori di bonifica montana L.200 milioni.


Art. 8

La presente legge e' dichiarata urgente, ai sensi del 2° comma dell'art. 127 a Costituzione e dell'art. 38 dello Statuto Regionale ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191