Legge Regionale 21 Dicembre 1981, n° 26
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloDisposizioni di attuazione dell'art. 57 tabella B della legge regionale 8 maggio 1980, n. 12
OggettoRegione - Personale - Stato giuridico e trattamento economico - Disciplina - Attuazione
BollettinoBollettino Ufficiale n° 25 del 31/12/81
Catalogazione21.Ordinamento e organizzazione regionale e degli enti dipendenti e vigilati, organi della Regione, organizzazione degli uffici e politiche del personale, commissioni, comitati e consulte
AbrogazioniAbrogata intera legge dalla legge n. 7/1997 art. art. 47, comma 2, lettera i)



Art. 1

In sede di concreta applicazione dell'art. 57 della legge regionale 8 maggio 1980, n. 12 e dell'allegata tabella B, al personale inquadrato secondo le norme della legge regionale 31 agosto 1974, n. 11 e successive modificazioni e integrazioni, si applicano le disposizioni di cui ai commi seguenti.

Ai fini della corrispondenza delle carriere di provenienze alle qualifiche funzionali regionali valgono le qualificazioni formali degli ordinamenti di provenienza, nonche' quelle effettuate dalla Regione in sede di applicazione della legge regionale 31 agosto 1974, n. 11 e successive modificazioni e integrazioni.

Ai fini della individuazione delle qualifiche terminali delle carriere esecutive e di concetto si considerano le qualifiche terminali, anche conseguite in applicazione dell'art. 68 del D.P.R. 30 giugno 1972, n.748 previste nello sviluppo di carriera degli ordinamenti di provenienza purche' la carriera si articoli in almeno tre qualifiche. Ove l'ordinamento di provenienza preveda meno di tre qualifiche, per la equiparazione della posizione di provenienza alle qualifiche terminali, necessita che il dipendente abbia maturato nella carriera di provenienza, alla data dell'8 novembre 1974, almeno otto anni di servizio.

Ai fini dell'attribuzione al personale proveniente da Enti diversi dallo Stato delle qualifiche terminali, ai sensi dell'art. 68 del D.P.R. 30 giugno 1972, n. 748 - sempreche' ne spettino i benefici - nel caso di carriere articolate in numero di qualifiche pari o superiore al numero di quelle delle corrispondenti carriere statali di cui al D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3, le qualifiche intermedie si ritengono unificate secondo i criteri di fusione previsti dal D.P.R. 28 dicembre 1970, n. 1077.

Le qualifiche terminali delle carriere diverse dalle direttive si intendono comunque raggiunte da parte del personale che, alla data dell'8 novembre 1974, abbia maturato nella carriera l'anzianita' di almeno otto anni di servizio, ridotta ad anni sette per il personale della carriera di concetto appartenente ai ruoli tecnici.

Per le carriere direttive - di qualsiasi provenienza - ai fini della equiparazione alla qualifica di direttore aggiunto di divisione, necessita un'anzianita' nella carriera, alla data dell'8 novembre 1974, di anni quattro e mesi sei, ridotti ad anni tre e mesi sei per il perso nale tecnico.

Le anzianita' pregresse maturate all'otto novembre 1974 si determinano secondo i criteri di cui all'art. 89 della legge 31 agosto 1974, n. 11 e successive modificazioni e integrazioni, con le limitazioni previste dal 2 e 3 comma dell'art. 41 del D.P.R. 28 dicembre 1970, n. 1077.

Art. 2

La presente legge e' dichiarata urgente ai sensi dell'art. 127 della Costituzione e dell'art. 38 dello Statuto regionale ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191