LEGGE REGIONALE 26 settembre 2005, n. 30.
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialità
TitoloModifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 7 dell'8 aprile 1997 come modificata dalla legge regionale 28 maggio 2002, n. 6.
OggettoAmministrazione regionale - Modifiche ed integrazioni alla L.R. 8 aprile 1997 n. 7 come modificata dalla L.R. 28 maggio 2002 n. 6
BollettinoBOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE - N. 28 del 1° ottobre 2005
Catalogazione21.Ordinamento e organizzazione regionale e degli enti dipendenti e vigilati, organi della Regione, organizzazione degli uffici e politiche del personale, commissioni, comitati e consulte
ModificheModificato art. 2 dalla legge n. 33/2006 art. 1


Art. 1

1. Il comma 2 dell'articolo 29 bis della legge regionale 8 aprile 1997, n. 7, introdotto dall'articolo 11 della legge regionale 28 maggio 2002, n. 6, è così sostituito:


    "2. L'istituto, anche in relazione ai nuovi assetti organizzativi discendenti dalla applicazione della presente legge, concorre alla rimodulazione ed all'armonizzazione delle funzioni amministrative assegnate al personale dipendente della Regione Molise, che richiedono professionalità lavorative qualificate e che comportano un elevato grado di responsabilità e di autonomia operativa ed organizzativa".


Art. 2

1. All'articolo 29 bis della legge regionale 8 aprile 1997, n. 7, introdotto dall'articolo 11 della legge regionale 28 maggio 2002, n. 6, sono aggiunti, dopo i commi 1 e 2, i seguenti:


    "3. Le funzioni di cui al comma 2 consistono nelle attività di collaborazione con il personale dirigente, funzionali al raggiungimento degli obiettivi di risultato assegnati ed, in generale, all'efficacia dell'azione amministrativa, nelle attività di organizzazione e gestione degli uffici regionali, nelle attività connesse alla gestione di procedimenti e procedure amministrative, nelle attività di studio, di ricerca e di elaborazione di atti complessi.

    4. Le attività di cui al comma 3 sono proprie del personale di comparto inquadrato nel ruolo unico regionale nella categoria "D" prevista dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro del 31 marzo 1999, e successive modificazioni ed integrazioni, nonché del personale della categoria "D" comandato ai sensi della legge 28 luglio 1999, n. 266.

    5. Al personale indicato nel comma 4 è riconosciuta, in aggiunta al trattamento economico in godimento, un'indennità annuale, pensionabile, che è parte integrante della retribuzione. Tale personale conserva la posizione giuridica ed economica posseduta, o che andrà a conseguire per effetto cli progressioni verticali di carriera o di progressioni orizzontali nella categoria.

    6. L'indennità di cui al comma 5 è dovuta a prescindere dagli incarichi ricoperti. Essa non è cumulabile con quella riconosciuta ai dipendenti incaricati della responsabilità di posizione organizzativa di cui agli artt. 8, 9 e 10 del contratto collettivo nazionale di lavoro del 31 marzo 1999 e del contratto decentrato integrativo. La sua corresponsione è sospesa per tutto il periodo in cui i dipendenti interessati sono incaricati della responsabilità di posizione organizzativa.

    6BIS. L'indennità prevista nel comma 5 non è altresì cumulabile con gli emolumenti accessori relativi alla produttività e ad indennità di responsabilità non rapportate ad incarichi di unità operative organiche (uffici). È invece cumulabile con le indennità che derivano da risorse che specifiche disposizioni di legge finalizzano alla incentivazione delle prestazioni.

    7. L'indennità di cui al comma 5 è commisurata all'importo massimo della retribuzione di posizione prevista dall'art. 10, comma 2, del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto del 31 marzo 1999, secondo le seguenti percentuali:


      a) personale dipendente inquadrato nella categoria "D", profili professionali "Dl" = 50% dell'importo massimo della retribuzione di posizione prevista dall'articolo 10, comma 2, del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto del 31 marzo 1999;

      b) personale dipendente inquadrato nella categoria "D", profili professionali "D3" = 80% dell'importo massimo della retribuzione di posizione prevista dall'articolo 10, comma 2, del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto del 31 marzo 1999.


    8. L'indennità di cui al comma 5 è corrisposta, a decorrere dal 1° luglio 2005, al personale regionale inquadrato nella categoria "D". Al personale regionale inquadrato nella categoria "D", in profili professionali ascritti alla posizione giuridica "D3", essa viene corrisposta, per la prima annualità, in misura del 40% del suo ammontare, per la seconda annualità in misura dell'80% del suo ammontare; dalla terza annualità, l'indennità verrà corrisposta per intero. Al personale regionale inquadrato nella categoria "D", in profili professionali ascritti alla posizione giuridica 'Dl", essa viene corrisposta, per la prima annualità, in misura del 40% del suo ammontare, per la seconda annualità in misura dell'80% del suo ammontare; dalla terza annualità, l'indennità verrà corrisposta per intero.

    9. Al fine di armonizzare l'erogazione dell'indennità di cui alla presente legge con quanto disposto nel comma 6 bis, la corresponsione degli emolumenti relativi alla produttività individuale è dovuta rispettivamente per le annualità previste dal comma 8, nelle misure del 60% e del 20% dell'importo calcolato secondo le metodologie previste dai contratti decentrati integrativi.

    10. Al fine del raggiungimento di maggiori indici di efficienza, dalla terza annualità, il 20% dell'indennità di cui al comma 7 viene erogata al dipendente a seguito della valutazione positiva del rendimento. La valutazione viene effettuata dal dirigente responsabile della struttura a cui risulta assegnato il dipendente, con cadenza annuale, e secondo i sistemi di valutazione previsti per l'erogazione della produttività individuale. La valutazione si intende positiva se al dipendente viene attribuito un punteggio non inferiore all'80% del punteggio massimo previsto dai sistemi predetti.

    11. I dipendenti accedono all'indennità di cui al comma 5 al maturare di due anni di servizio nella categoria e profilo professionale "D1" e "D3" e nel limite del contingente di posti pari a: n. 195 del-la categoria e profilo professionale "D1"e n. 196 della categoria e profilo professionale "D3", corrispondente al personale di ruolo in servizio alla data del 31 dicembre 2004; gli aventi diritto vengono inseriti in un'apposita graduatoria formulata secondo i seguenti criteri di precedenza a parità di possesso del requisito di accesso:

      • maggiore anzianità di ruolo nella categoria o ex livello di appartenenza;
      • maggiore anzianità di ruolo nella Regione Molise;
      • maggiore età anagrafica.

      Qualora il requisito venga maturato in un giorno diverso dal primo giorno del mese la decorrenza dell'indennità è fissata al primo giorno del mese successivo.

    12. L'erogazione delle indennità secondo le percentuali di cui al comma 8 avviene al maturate rispettivamente del terzo e del quarto anno di anzianità nella categoria e profilo professionale di appartenenza.

    13. Ai dipendenti in possesso della categoria e pro-filo professionale "DI" ai quali viene attribuito, per effetto di uno sviluppo di carriera, il profilo professionale superiore "D3" se l'importo dell'indennità già percepita è superiore all'importo iniziale previsto per il primo anno di erogazione dell'indennità, l'indennità percepita viene confermata fino alla maturazione dell'importo successivo, previsto nel comma 8".

Art. 3

1. Alla copertura degli oneri derivanti dalla presente legge si fa fronte mediante l'istituzione ed il finanziamento, per ciascun esercizio finanziario, di un apposito capitolo di spesa titolato "Indennità per il personale incaricato delle funzioni amministrative di cui all'art. 29 bis della legge regionale 8 aprile 1997, n. 7, e successive modificazioni ed integrazioni".

2. Per l'esercizio finanziario 2005 gli oneri derivanti dall'applicazione della presente legge, quantificati nella misura di Euro 650.000, 00 (Euro SEICENTOCINQUANTAMILA /00), troveranno copertura finanziaria nella U.P.B. del personale, che presenta sufficiente disponibilità.


    La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Molise.

© molisedati spa - tel. 0874 6191