LEGGE REGIONALE 3 marzo 2000, n. 13.
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialità
TitoloInterventi straordinari per l'attribuzione degli aiuti compatibili con le disposizioni dell'Unione Europea per la ristrutturazione ed il salvataggio di imprese in difficoltà operanti nel settore agricolo ed agroalimentare.
OggettoAiuti ad imprese agricole in difficoltà - Attuazione delle disposizioni dell'Unione Europea.
BollettinoBollettino Ufficiale n° 06 del 16 marzo 2000
Catalogazione01.Agricoltura, foreste, zootecnia, bonifica e irrigazione
AbrogazioniAbrogata intera legge dalla legge n. 12/2001 art. 4



Art. 1

Finalità


1. La presente legge disciplina le procedure per gli aiuti ad imprese in difficoltà che operano nel settore agricolo ed agroalimentare nell'ambito delle deroghe di cui all'art. 92, paragrafi 2 e 3, del Trattato CE ed in conformità alle disposizioni comunitarie in materia di salvataggio e ristrutturazione di imprese in difficoltà (comunicazione CE n. 97/C 283/02).

Art. 2

Competenze


1. La Giunta regionale è autorizzata a disporre con propri atti:

a) gli aiuti per il salvataggio delle imprese agricole e agroalimentari in difficoltà rientranti nelle deroghe di cui all'art. 92, paragrafi 2 e 3, del Trattato CE ed in conformità alle disposizioni comunitarie in materia di cui alla comunicazione CE n. 97/C 283/02, finalizzati a sostenere temporaneamente le imprese, consentire un'analisi dei fattori che sono alla base delle difficoltà e mettere a punto un piano destinato a porre rimedio alla situazione;

b) gli aiuti per la ristrutturazione delle imprese agricole e agroalimentari in difficoltà rientranti nelle deroghe di cui all'art. 92, paragrafi 2 e 3, del Trattato CE ed in conformità alle disposizioni comunitarie in materia di cui alla comunicazione CE n. 97/ 283/02, finalizzati a ripristinare la redditività a lungo termine dell'impresa.

2. Gli aiuti di cui ai punti a) e b) del presente articolo potranno essere concessi sotto forma di contributi, una tantum, in conto capitale e/o assunzione di garanzie, nei limiti fissati dalla Giunta Regionale ai sensi del successivo art. 3.


Art. 3

Criteri


1. La Giunta Regionale, sentita la Commissione Consiliare competente, adotta i criteri relativi all'applicazione della presente legge ed, in particolare, alla redazione da parte delle imprese richiedenti di piani finalizzati a porre rimedio alle situazioni di crisi e di difficoltà sociali esistenti.

2. La Giunta Regionale, per l'acquisizione di pareri, potrà istituire una Commissione tecnica di valutazione, formulate da un massimo di 5 membri, garantendo la partecipazione delle Organizzazioni professionali agricole. La stessa Giunta Regionale provvede all'erogazione dei contributi.

3. I criteri per l'applicazione del regime di aiuti sono notificati alla Commissione Europea ai sensi del paragrafo 4.1 della citata comunicazione n. 97/C 283/02.


Art. 4

Norma Finanziaria


1. Agli oneri derivanti dall'attuazione della presente legge per l'esercizio finanziario 2000 si provvederà mediante istituzione di appositi capitoli di spesa con la legge approvativa del bilancio.

2. Per i successivi esercizi finanziari si provvederà con 1e rispettive leggi approvative di bilancio.


Art. 5

Dichiarazione d'urgenza


1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.

2. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191