Legge Regionale 21 Gennaio 1975, n░ 10
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitÓ
TitoloNorme per agevolare l'esecuzione di opere pubbliche di competenza degli enti locali.
OggettoOpere pubbliche di competenza degli enti locali - Esecuzione - Tipologia - Contributi - Erogazione - Disciplina
BollettinoBollettino Ufficiale n░ 04 del 27/01/75
Catalogazione17.Lavori pubblici e acquedotti
AbrogazioniAbrogato art. 7 dalla legge n. 19/1979 art. 25
Abrogato art. 8 dalla legge n. 17/1975 art. 1
ModificheModificato art. 1 dalla legge n. 4/1986 art. 1
Modificato art. 2 dalla legge n. 41/1976 art. 4
Modificato art. 2 dalla legge n. 4/1986 art. 2
Modificato art. 10 dalla legge n. 17/1975 art. 2


Art. 1

Per la esecuzione delle opere pubbliche indicate nel successivo articolo 2 di interesse delle Province, dei Comuni e loro consorzi, delle Comunita' Montane, delle istituzioni pubbliche di assistenza e loro consorzi anche se non previste dalla legge 17 luglio 1890, n.697 2 e successive modificazioni, nonche' di altri Enti senza finalita' di lucro, la Regione, per le materie trasferite ai sensi dell'articolo 2 del D.P.R. 15 gennaio 1972, n.8, concede contributi annui costanti ovvero contributi in conto capitale sulla spesa riconosciuta ammissibile.

Le spese ammissibili a contributo sono, oltre quelle per lavori, anche quelle per espropriazioni, per revisione prezzi, per oneri fiscali, nonche' le spese per progettazione, direzione, sorveglianza, contabilita' e collaudo da determinarsi in base alle vigenti tariffe professionali.

Sono altresi' ammissibili a contributo le spese per l'effettuazione di accertamenti e saggi di carattere geologico e geognostico, per studi, ricerche e prove di laboratorio relativi alle opere di cui al successivo articolo 2.


Art. 2

Le opere ammissibili a contributo sono le seguenti:

a) costruzione, ammodernamento e sistemazione di strade provinciali e comunali classificate o classificabili tali.

b) costruzione, completamento, ampliamento e sistemazione degli acquedotti;

c) costruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento degli edifici destinati a ospedali, convalescienziari, luoghi di cura, ambulatori, nonche' di edifici destinati all'assistenza della prima infanzia, al ricovero degli invalidi e vecchi indigenti ed in genere a finalita' di assistenza e beneficenza pubblica;

d) costruzione, completamento, ampliamento, adattamento e riattamento, miglioramento ed arredamento principale di edifici, comprese le palestre e gli impianti sportivi, destinati alle scuole materne, elementari, secondarie ed artistiche;

e) costruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento, di fognature, impianti di depurazione delle acque, impianti di trattamento dei rifiuti solidi, mattatoi, cimiteri ed altre opere igieniche;

f) costruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento di porti e approdi di seconda categoria dalla seconda classe in poi, anche se non classificati;

g) bcostruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento delle opere occorrenti per fornire di energia elettrica i Comuni e loro frazioni;

h) costruzione, completamento, ampliamento, miglioramento di sedi municipali;

i) costruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento di edifici pubblici di proprieta' di, Province, Comuni ed Istituzioni pubbliche di assistenza e loro consorzi anche se non previste dalla legge 17.7.1890, n. 6972 e successive modificazioni;

l) costruzione, completamento, ampliamento, sistemazione e miglioramento delle opere destinate allo svolgimento di attivita' sportive, turistiche e termali.


Art. 3

I contributi annui costanti vengono concessi nella misura percentuale necessaria a coprire tutte le spese per l'ammortamento del mutuo alle condizioni praticate dalla Cassa Depositi e Prestiti all'atto della promessa.

I contributi in conto capitale vengono concessi nella misura del 70% elevabile fino al 100% della spesa riconosciuta necessaria per la realizzazione delle opere per settori e per obiettivi fissati in sede di bilancio di previsione.


Art. 4

I contributi in annualita' sono corrisposti direttamente agli istituti mutuanti ovvero agli enti interessati con decorrenza dalla data di inizio dell'ammortamento dei mutui.

I contributi in conto capitale sono corrisposti agli Enti concessionari sulla base degli stati di avanzamento dei lavori certificati dal direttore dei lavori stessi.


Art. 5

Le domande per la concessione dei contributi sono presentate nei modi e nei termini stabiliti dalla Giunta Regionale.

La Giunta propone al Consiglio regionale i programmi di ripartizione dei fondi disponibili.

Sulla base della delibera consiliare di approvazione il Presidente della Giunta formula la promessa di contributo ed indica i termini entro i quali l'Ente deve presentare a pena di decadenza la documentazione tecnico-amministrativa necessaria per la formale concessione del contributo.

La decadenza e' pronunciata con decreto del Presidente della Giunta.


Art. 6

L'approvazione dei progetti delle opere e la concessione dei relativi contributi hanno luogo con deliberazione della Giunta in conformita' ai programmi approvati dal Consiglio Regionale.

L'approvazione dei progetti relativi alle opere ammesse a contributo equivale a dichiarazione di pubblica utilita', indifferibilita' ed urgenza delle opere stesse.


Art. 7

La Giunta, ai fini dell'accelerazione dei tempi di attuazione dei lavori, puo' delegare, con propria deliberazione, l'Assessore competente per la gestione tecnico-amministrativa dei lavori.

Rimane comunque alla competenza della Giunta l'approvazione degli atti di collaudo.

La Giunta Regionale provvede alla vigilanza dei lavori per mezzo degli uffici tecnici competenti della Regione.

Si intendono sostituiti, nell'ambito delle funzioni trasferite dallo Stato alle Regioni, ai sensi del D.P.R. 15 gennaio 1972, n. 8, gli organi centrali e periferici dello Stato con gli organi della Regione in tutti i casi in cui le norme in vigore per i lavori pubblici facciano riferimento a funzioni amministrative degli organi e degli uffici centrali e periferici dello Stato.


Art. 8

Alle operazioni di mutui necessari per la realizzazione delle opere contemplate dalla presente legge non si applicano le limitazioni di cui agli articoli 299 e 300 del Testo Unico della legge comunale e provinciale, approvati con R.D. 3 marzo 1934, n. 393.


Art. 9

I mutui contratti per la realizzazione delle iniziative ammesse a contributo ai sensi degli articoli 1 e 2 della presente legge, possono essere garantiti, per capitali ed interessi, dalla Regione.

La concessione della garanzia ¤ disposta con delibera della Giunta Regionale su proposta dell'Assessore competente.


Art. 10

Agli oneri derivanti dall'attuazione della presente legge si fa fronte con i fondi iscritti negli appositi capitoli di bilancio dell'esercizio finanziario 1974 e nei capitoli corrispondenti per i successivi esercizi finanziari, da prelevare sui fondi assegnati alla Regione in base all'articolo 9 della legge 16 maggio 1970, n. 281.

Le somme stanziate in bilancio, se non impegnate nell'anno di riferimento, possono essere utilizzate nei tre esercizi successivi.


Art. 11

I provvedimenti adottati in materia dopo il 1░ gennaio 1974 e prima dell'entrata in vigore della presente legge, potranno essere adeguati, con deliberazione della Giunta regionale, alle nuove misure dei contributi previsti all'articolo 3, se piu' favorevoli.


Art. 12

La presente legge e' dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 38 -secondo comma- dello Statuto Regionale ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191