Legge Regionale del 12 Gennaio 1981, n° 3
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloNorme per il trasferimento alle Unita' Locali delle funzioni in materia di Igiene e Sanita' pubblica, di vigilanza sulle farmacie e per l'assistenza farmaceutica
OggettoUnita' locali - Trasferimento delle funzioni in materia di igiene e sanita' pubblica di vigilanza sulle farmacie e per l'assistenza farmaceutica - Esercizio - Disciplina
BollettinoBollettino Ufficiale n° 01 del 16/01/81
Catalogazione37.Tutela della salute umana, animale e dell'ambiente, servizio sanitario, alimentazione
AbrogazioniAbrogato art. 2 dalla legge n. 11/1997 art. 27
Abrogato art. 14 dalla legge n. 11/2014 art. 54
ModificheModificato art. 22 dalla legge n. 13/1991 art. 1


Titolo I: IGIENE E SANITA' PUBBLICA

Capo I: FUNZIONI AMMINISTRATIVE: ATTRIBUZIONI DELLA UNITA' LOCALE, DEL COMUNE, DELLA REGIONE

Art. 1


Attribuzioni ed esercizio delle funzioni amministrative in materia di igiene e sanita' pubblica Le funzioni in materia di igiene e sanita' pubblica, non espressamente riservate allo Stato e alla Regione, ivi comprese le funzioni demandate all'ufficio del medico provinciale sono attribuite ai Comuni che le esercitano attraverso le Unita' Locali, ferme restando le attribuzioni di ciascun sindaco quale autorita' sanitaria locale.

Tali funzioni comprendono, in particolare, quelle concernenti:

1) la prevenzione e la profilassi delle malattie infettive e diffusive e le indagini epidemiologiche su base locale;

2) l'attuazione dei programmi di educazione sanitaria relativa all'igiene e sanita' pubblica;

3) la tutela igienicosanitaria sulla produzione, manipolazione, commercio, trasporto, lavorazione, vendita, somministrazione delle sostanze alimentari e bevande e dei relativi additivi, coloranti, surrogati e succedanei;

4) la tutela igienicosanitaria dei laboratori e stabilimenti di produzione, preparazione e confezione di sostanze alimentari e bevande, nonche' sui mezzi di trasporto utilizzati;

5) la tutela igienicosanitaria sui negozi e depositi all'ingrosso di sostanze alimentari e bevande nonche' dei piccoli laboratori artigianali annessi ad esercizi di somministrazione, e sui mezzi di trasporto utilizzati;

6) la tutela dell'ambiente contro i fattori di inquinamento con riferimento:

a) all'inquinamento dell'aria,

b) all'inquinamento delle acque,

c) all'inquinamento del suolo,

d) all'inquinamento da rumore o da onde elettromagnetiche ed altri agenti fisici, fatte salve le competenze provinciali e statali di cui al decreto Presidente Repubblica 24 luglio 1977, n.616;

7) l'esame dei piani regolatori e degli strumenti urbanistici con riferimento all'art. 20 della legge 23 dicembre 1978, n. 833 e la vigilanza sulle condizioni igieniche degli edifici, in relazione alle diverse utilizzazioni;

8) la tutela igienico-sanitaria degli stabilimenti termali e di quelli di produzione di acque minerali naturali e artificiali;

9) la tutela e il controllo igienico dell'approvvigionamento idrico;

10) il controllo sull'allontanamento e smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi, di qualunque origine e composizione, nonche' dei fanghi;

11) gli interventi sull'ambiente di vita e di lavoro correlati alla prevenzione di tutti gli eventi morbosi;

12) le certificazioni e gli accertamenti medico legali con la esclusione di quelli relativi ai servizi di cui all'art. 6, lett. z), della legge 23 dicembre 1978, n. 833;

13) la polizia mortuaria.

Sono altresi' incluse le funzioni indicate nelle lettere a), c), d) e) dell'art. 7 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, delegate dallo Stato alla Regione e da questa subdelegate ai Comuni, ai sensi del 4° comma del citato art. 7.


Art. 2

Attribuzioni del Servizio per l'igiene pubblica, medicina fiscale, legale e del lavoro, ecologia e relativi presidi multizonali.

L'attivita' istruttoria di vigilanza e controllo nelle materie indicate nell'articolo precedente e' demandata al Servizio per l'igiene pubblica, medicina fiscale, legale e del lavoro, ecologia e relativi presidi multizonali dell'Unita' Locale, ad eccezione della tutela igienico sanitaria degli alimenti di origine animale, riservata al Servizio veterinario.

Il responsabile del Servizio, in particolare:

a) propone, nei casi di urgenza, al sindaco competente per territorio l'adozione dei provvedimenti di cui al successivo art. 3 ed eventualmente procede ad interventi temporanei di ordine tecnico-professionale;

b) puo' avvalersi, in caso di comprovata necessita', dell'opera dei medici convenzionati nell'ambito delle attribuzioni previste dalla relativa convenzione, oltreche' del personale medico del ruolo sanitario regionale, che e' tenuto a prestare la sua opera in relazione alla propria specifica professionalita'.


Art. 3: Attribuzioni del sindaco

In materia di igiene e sanita' pubblica il sindaco adotta i provvedimenti che comportano poteri autorizzativi o prescrittivi o di concessione, ivi compresi quelli gia' demandati al Medico provinciale e all'ufficiale sanitario ed emana le ordinanze contingibili ed urgenti ai sensi del testo unico della legge comunale e provinciale.

Il sindaco, per l'esercizio delle proprie attribuzioni, si avvale direttamente dei presidi e servizi dell'Unita' Locale. A tal fine l'assemblea dell'Unita' Locale, nello stabilire l'organizzazione interna dei Servizi, deve garantire ai sindaci le condizioni per il pieno esercizio delle proprie attribuzioni.


Art. 4: Competenze della Regione

Restano di competenza della Regione:

a) le funzioni di indirizzo e coordinamento nell'ambito della programmazione regionale ai fini di assicurare l'uniformita' degli interventi e delle prestazioni sul territorio regionale;

b) la formulazione di direttive in materia di igiene e sanita' pubblica;

c) l'emanazione di ordinanze contingibili e urgenti, da parte del Presidente della Giunta Regionale, in materia di igiene e sanita' pubblica interessanti il territorio di piu' Comuni;

d) la classificazione, con decreto del Presidente della Giunta Regionale, ai sensi della legge 2 maggio 1977, n. 192, delle zone acquee marine destinate alla molluschiocoltura o sede di banchi naturali di molluschi eduli lamellibranchi;

e) tutte le altre funzioni attribuite ad essa dalla legge statale e regionale e non delegate alle Unita' Locali.

L'attivita' istruttoria, tecnica e amministrativa nelle materie indicate nel presente articolo e' espletata dagli uffici dei competenti Assessorati Regionali, i quali si avvalgono dei presidi e servizi delle Unita' Locali di concerto con i Comuni interessati.

E' attribuita, altresi', secondo le disposizioni di cui ai successivi articoli, alla competenza regionale la nomina di commissioni, comitati e collegi disciplinati dalla presente legge.


Art. 5: Attivita' ispettiva di vigilanza e controllo

L'attivita' ispettiva di vigilanza e controllo e' diretta dal responsabile del Servizio per l'igiene pubblica e per la prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro, che puo' avvalersi di personale posto alle sue dipendenze o chiedere di avvalersi di altro personale con qualifica di pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio.

Le persone indicate nel comma precedente, nei limiti del servizio a cui sono destinate e secondo le attribuzioni a esse conferite dalla legge, svolgono le funzioni di ufficiale e agente di polizia giudiziaria.


Art. 6: Consorzi provinciali antitubercolari; Comitato provinciale antimalarico; Ente provinciale antitracomatoso

Le funzioni gia' espletate dai Consorzi provinciali antitubercolari, dal Comitato provinciale antimalarico e dall'Ente provinciale antitracomatoso, sono svolte dalle strutture della Unita' Locale, secondo le modalita' stabilite dal regolamento della stessa Unita' Locale.


Art. 7: Laboratori provinciali di igiene e profilassi

In attesa della individuazione dei presidi e servizi multizonali da parte del piano sanitario regionale nonche' della emanazione delle norme per la loro organizzazione interna, i laboratori provinciali di igiene e profilassi sono gestiti dalla Unita' Locale competente per territorio.


Art. 8: Attivita' nell'interesse dei privati

I tariffari per gli accertamenti e per le indagini in materia di igiene e sanita' pubblica e di prestazioni medico-legali espletati a favore di privati dai servizi, presidi ed uffici dell'Unita' Locale, sono stabiliti dalla Giunta regionale all'inizio di ogni anno.


Capo II: ATTIVITA' MEDICO-LEGALI

Art. 9: Attivita' di medicina legale


Le attivita' di medicina legale comprendono in particolare:

a) accertamenti preventivi di idoneita' o inidoneita' previsti da leggi e regolamenti;

b) accertamento medico-legale di controllo per l'invalidita' temporanea, ai sensi dell'art. 5 della legge 20 maggio 1970, n. 300, degli artt. 5 e 30 della legge 30 dicembre 1971, n. 1204, nonche' dell'art. 2 del decreto legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito, con modificazioni, nella legge 29 febbraio 1980, n.33;

c) altri accertamenti di invalidita' temporanea e permanente previsti da leggi e regolamenti;

d) attivita' collegiale per l'accertamento della invalidita' permanente da cause lavorative, di servizio, nell'ambito dell'invalidita' civile nonche' a favore di ciechi civili e sordomuti;

e) attivita', anche collegiale, per l'accertamento della idoneita' alla guida di autoveicoli e natanti;

f) il servizio necroscopico;

g) il controllo sull'esercizio delle professioni e arti sanitarie ai sensi dell'art. 100 del regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265.

Compete al Servizio per l'igiene pubblica, medicina fiscale, legale e del lavoro, ecologia e relativi presidi multizonali l'esercizio delle attivita' medico-legali di cui al precedente comma ivi comprese quelle gia' attribuite al medico provinciale e all'ufficiale sanitario.

Al Medico provinciale e all'ufficiale sanitario subentra il responsabile del Servizio o, per sua delega, un altro medico del Servizio.


Capo III: COMMISSIONI SANITARIE, COLLEGI E COMITATI

Art. 10: Commissioni, collegi e comitati; sostituzione del medico provinciale e dell'ufficiale sanitario nelle commissioni, collegi e comitati


Tutte le commissioni, i comitati e i collegi operanti a livello provinciale, gia' titolari delle materie di cui al precedente art. 9 e delle competenze di cui all'art. 14, lettera q) della legge 23 dicembre 1978, n. 833, operano a livello di Unita' Locale.

In dette commissioni, comitati e collegi, gia' previsti dalla vigente legislazione, i Medici provinciali e gli ufficiali sanitari sono sostituiti dal responsabile del Servizio dell'Unita' Locale competente per materia o, su sua proposta, da altro medico del Servizio stesso.

Nelle commissioni di cui al presente articolo i funzionari della Regione o di altri enti e uffici che perdono le proprie funzioni nelle materie del servizio sanitario nazionale sono sostituiti con corrispondente personale delle Unita' Locali interessate, nel rispetto delle norme di cui al decreto del Presidente Repubblica 20 dicembre 1979, 761.

Le designazioni del personale delle Unita' Locali negli organi collegiali, di cui ai precedenti commi, sono effettuate dal comitato di gestione dell'Unita' Locale competente.

Nelle commissioni regionali il medico provinciale e' sostituito da un funzionario medico della Regione o da un medico iscritto nei ruoli nominativi regionali del personale del servizio sanitario nazionale, nominato dalla Giunta regionale secondo i criteri di specifica professionalita'.


Art. 11: Soppressione di organi collegiali

Sono soppressi:

a) il consiglio provinciale di sanita' previsto dal decreto Presidente Repubblica 11 febbraio 1961, n. 257.

Le funzioni consultive e tecniche gia' demandate al predetto consiglio sono attribuite al comitato di consulenza tecnica dell'Unita' Locale competente, di cui all'art. 11 della legge regionale 16 maggio 1980, n. 15;

b) la commissione di cui all'art. 8 della legge 2 aprile 1968, n. 475.

Le funzioni gia' attribuite alla predetta commissione sono svolte nei modi indicati nel successivo art. 12.


Art. 12: Norme per l'apertura e l'esercizio delle farmacie

Nel quadro delle indicazioni contenute nel Piano Sanitario Regionale, la revisione della pianta organica delle farmacie viene effettuata dalla Giunta Regionale d'intesa con la Commissione Consiliare competente.

La Giunta regionale adotta i provvedimenti indicati sentiti i Consigli comunali, le Unita' Locali interessate nonche' gli Ordini dei farmacisti competenti per Provincia.

Entro il termine fissato dalla Giunta Regionale i consigli comunali adottano le delibere relative, da trasmettersi senza ritardi al comitato di gestione della Unita' Locale e all'ordine provinciale dei farmacisti, ai fini della formulazione del relativo parere entro il termine di 20 giorni dal ricevimento delle delibere consiliari.

Il Comitato di gestione delle Unita' Locali adotta i provvedimenti in tema di:

a) autorizzazione all'apertura e all'esercizio delle farmacie, incluse le farmacie succursali, purche' comprese nella pianta organica, sia di nuova istituzione che gia' esistenti;

b) gestione dei dispensari farmaceutici istituiti ai sensi della legge 8 marzo 1968, n. 221;

c) decadenza dell'autorizzazione all'esercizio farmaceutico;

d) chiusura temporanea dell'esercizio farmaceutico nei casi stabiliti dal testo unico delle leggi sanitarie e successive integrazioni e modificazioni;

e) indennita' di avviamento e di rilievo degli arredi, medicinali, provviste e dotazioni;

f) erogazione dell'indennita' di residenza ai farmacisti rurali;

g) regolamentazione del servizio farmaceutico in ordine alla fissazione dei turni delle farmacie e della disciplina della apertura e chiusura, inclusa la chiusura per ferie annuali, d'intesa con le Unita' Locali confinanti, ove possibile.

Il comitato di gestione adotta i provvedimenti indicati nelle lettere c), d), e), f), g) sentita una apposita commissione formata dal coordinatore sanitario, che la presiede, dal responsabile dell'ufficio per il servizio farmaceutico, da un funzionario amministrativo dell'Unita' Locale, che svolge anche funzioni di segretario e da due farmacisti esercenti in farmacia, di cui uno non titolare, scelti rispettivamente su terne fornite dall'ordine dei farmacisti della Provincia, entro il termine perentorio di 15 giorni dalla richiesta.

Per ciascun farmacista componente e' designato, con la stessa procedura, il relativo supplente.


Art. 13: Attribuzioni dell'ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale

L'ufficio per il servizio farmaceutico svolge le seguenti funzioni:

a) predisposizione dei piani di informazione scientifica e di educazione al farmaco;

b) attivita' istruttoria nella materia di competenza del comitato di gestione in tema di farmacie, inclusi gli aspetti amministrativi;

c) rilevazione sulle quantita' di medicinali e sul rimanente materiale sanitario utilizzato da ospedali, presidi e Servizi dell'Unita' Locale;

d) prelievo di medicinali e del rimanente materiale sanitario per i necessari controlli, anche su disposizioni del Ministero della Sanita' o del competente Assessorato Regionale;

e) stesura annuale della relazione, da sottoporre al Comitato di gestione, sul consumo dei medicinali e del restante materiale sanitario presso gli ospedali, i presidi e i Servizi della Unita' Locale, e sulla quantificazione della spesa con conseguenti proposte per la sua eventuale riduzione;

f) vigilanza sulla corretta applicazione della convenzione nazionale.


Art. 14: Vigilanza sulle farmacie

Fatte salve le competenze della commissione di cui all'art. 15 del decreto Presidente Repubblica D.P.R. 15 settembre 1979, per la disciplina del rapporto con le farmacie, l'attivita' ispettiva di vigilanza e di controllo sulle farmacie di cui sono titolari i privati, e' esercitata dall'ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale, intentendosi sostituito al medico provinciale il responsabile dell'ufficio stesso.

In relazione all'art. 127 del testo unico delle leggi sanitarie, regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265 e successive modificazioni, tutte le farmacie, nel corso di ciascun biennio, devono essere ispezionate da una Commissione designata dal Comitato di gestione e costituita:

- dal responsabile dell'ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale o da un suo delegato;

- da un medico dipendente dell'Unita' Locale;

- da un farmacista designato dall'ordine dei farmacisti della Provincia;

- da un dipendente dell'Unita' Locale, con funzioni di segretario.

La predetta commissione puo' compiere anche delle ispezioni straordinarie.

Copia del verbale dell'ispezione e' inviata al comitato di gestione dell'Unita' Locale in cui ha sede l'esercizio farmaceutico per l'adozione degli eventuali provvedimenti di competenza, che saranno notificati anche all'Assessorato Regionale competente.


Art. 15: Concorsi per il conferimento di farmacia; Commissione giudicatrice

I concorsi per l'assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili per l'esercizio privato, vacanti o di nuova istituzione, sono indetti dalla Giunta Regionale.

I concorsi si svolgono per l'assegnazione di sedi vacanti in piu' Unita' Locali, raggruppando le Unita' Locali appartenenti alla stessa provincia.

La commissione giudicatrice e' presieduta dall'Assessore alla Sanita' o, per sua delega, da un consigliere regionale ed e' composta:

- da un professore di ruolo o incaricato di cattedra universitaria della facolta' di farmacia;

- da due farmacisti esercenti in farmacia aventi una anzianita' di servizio non inferiore a dieci anni, di cui uno non titolare, scelti su due terne, una di farmacisti esercenti e una di titolari, proposte dall'ordine dei farmacisti;

- da un farmacista, con almeno quindici anni di iscrizione all'albo, designato dalla Regione;

- da un funzionario amministrativo della Regione con funzioni di segretario.

La Giunta Regionale nomina la commissione indicata nel 3° comma, approva le relative graduatorie, nomina i vincitori, fissa i compensi da corrispondere ai componenti e al segretario della commissione stessa.

L'elenco dei vincitori e' trasmesso al comitato di gestione dell'Unita' Locale per i provvedimenti di competenza.


Capo II: ASSISTENZA FARMACEUTICA

Art. 16: Approvvigionamento dei farmaci negli ospedali e nei presidi e servizi dell'Unita' Locale


L'Unita' Locale disciplina le modalita' di approvvigionamento dei farmaci impiegati presso i propri ospedali, presidi e Servizi, secondo criteri di efficacia, qualita' ed economicita'.

In particolare puo' adottare, sulla base di un elenco tipo predisposto dalla Giunta Regionale, sentita la competente Commissione Consiliare, un elenco di specialita' medicinali o prodotti galenici derivanti dal prontuario terapeutico nazionale relativo ai farmaci da impiegare presso i suddetti ospedali, presidi e Servizi.


Art. 17: Disciplina degli acquisti di medicinali e del restante materiale sanitario da parte dell'Unita' Locale

Gli acquisti di medicinali e del restante materiale sanitario da destinare all'Unita' Locale sono disciplinati dalla legge regionale 2 settembre 1980, n. 33, relativa alle norme di contabilita' e di amministrazione del patrimonio delle Unita' Locali.

Gli acquisti, nei casi consentiti, sono effettuati con lo sconto previsto dalla vigente normativa.


Art. 18: Acquisto di medicinali e del restante materiale sanitario da destinare agli ospedali, ai presidi e Servizi dell'Unita' Locale, alle farmacie pubbliche

L'Unita' Locale, fatta salva la facolta' attribuita alla Giunta Regionale dall'art. 73 della legge regionale 2 settembre 1980, n. 33, puo' acquistare i medicinali indicati nel proprio elenco derivato dal prontuario terapeutico nazionale e il restante materiale sanitario da destinare agli ospedali, ai presidi e ai Servizi dell'Unita' Locale nonche' alle farmacie di cui sono titolari gli enti pubblici, ubicati nel proprio territorio, direttamente dalle imprese produttrici.


Art. 19: Approvvigionamento di medicinali e di materiale sanitario in caso di urgenza

In caso di comprovata necessita' e urgenza l'Unita' Locale puo' acquistare medicinali e materiale sanitario occorrenti, per l'utilizzo nelle proprie strutture, presso depositi all'ingrosso, farmacie comunali e farmacie private.

Nei casi previsti dal comma precedente spetta al dirigente del presidio dell'Unita' Locale effettuare l'acquisto secondo norme regolamentari predisposte dall'Unita' Locale.


Art. 20: Acquisto di stupefacenti e sostanze psicotrope da parte delle farmacie dell'ospedale e dei presidi e Servizi dell'Unita' Locale

La vendita o cessione a qualsiasi titolo di sostanze stupefacenti o psicotrope, comprese nelle tabelle I- II- III- IV- V di cui all'art. 12 della legge 22 dicembre 1975, n. 685, e' fatta ai responsabili delle farmacie degli ospedali, in base a richiesta da staccarsi da apposito bollettario di buoni acquisto conformi al modello predisposto dal Ministero della Sanita'.

La richiesta e' inviata alle ditte dall'ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale.

La terza sezione del buono acquisto di cui all'art. 12 della legge 22 dicembre 1975, n. 685, deve essere inviata al responsabile dell'ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale.

I medici direttori di presidi e di Servizi sanitari dell'Unita' Locale, nonche' i direttori sanitari di ospedali, qualora manchi la farmacia interna, si riforniscono presso le farmacie pubbliche e private dell'Unita' Locale delle preparazioni comprese nelle tabelle I- II- III e IV di cui al I° comma e secondo le disposizioni contenute nell'art. 42 della stessa legge 22 dicembre 1975, n. 685.

Copia della richiesta di acquisto e' trasmessa all'Ufficio per il servizio farmaceutico dell'Unita' Locale.

Il responsabile del suddetto servizio invia mensilmente al componente Assessorato Regionale un riepilogo delle richieste.


Art. 21: Coordinamento delle farmacie con i Servizi dell'Unita' Locale

L'Unita' Locale puo' avvalersi della collaborazione delle farmacie comunali e di quelle private per la realizzazione di programmi di medicina preventiva, di informazione e di educazione sanitaria e per le valutazioni di ordine statistico-epidemiologico in materia sanitaria, nonche' per ogni altra finalita' come indicato nella convenzione nazionale.


Art. 22: Disciplina per la consegna di medicinali o altro materiale sanitario a pazienti da parte di strutture sanitarie pubbliche

L'Unita' Locale puo' autorizzare il rilascio di buoni di prelevamento presso i propri ospedali o presidi ambulatoriali soltanto di materiale sanitario non ammesso alla prescrizione ai sensi dell'art. 28, 2° comma, della legge 23 dicembre 1978, n. 833, in favore di assistiti che ne facciano documentata richiesta convalidata dal competente servizio dell'Unita' Locale purche' affetti da malattie a lungo decorso o da lesioni comportanti invalidita' per qualunque causa, nonche' di farmaci utilizzati da assistiti dimessi che praticano terapie domiciliari, sotto il diretto controllo della struttura specialistica.

In ogni altro caso e' fatto divieto agli ospedali, ai presidi e ai Servizi dell'Unita' Locale di consegnare direttamente ai pazienti assistiti propri medicinali o altro materiale sanitario.


Capo III: NORME TRANSITORIE

Art. 23: Trasferimento del personale e dei beni


Il personale di ruolo dipendente dalla Regione Molise che, alla data di entrata in vigore della presente legge, trovasi in servizio, da data non successiva al 30 giugno 1980, presso gli uffici dei medici e dei veterinari provinciali puo' presentare alla Giunta Regionale domanda per essere iscritto nei ruoli nominativi regionali del personale del servizio sanitario nazionale, secondo le modalita' ed i termini previsti dall'art. 5, 2° e 5° comma, della legge regionale 2 settembre 1980, n. 32.

Il personale avente diritto all'inquadramento nei ruoli della Regione, e di cui all'ultimo comma dell'art. 5 della legge regionale 2 settembre 1980, n. 32, puo' presentare la relativa domanda fin dalla data di entrata in vigore della presente legge e, comunque, non oltre il sessantesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di cui al 5° comma dell'art. 5 della legge regionale 2 settembre 1980, n. 32.

I beni mobili, immobili e le attrezzature degli uffici dei medici e veterinari provinciali, degli enti, comitati, consorzi e uffici sanitari comunali e consortili di cui alla presente legge sono trasferiti ai Comuni competenti per territorio, con vincolo di destinazione alle rispettive Unita' Locali, ai sensi e con le modalita' di cui all'art. 66 della legge 23 dicembre 1978, n. 833 e dell'art. 26 della legge regionale 7 dicembre 1979, n. 35.


Art. 24: Disciplina giuridica dei rapporti pendenti

Sino a quando non entreranno in funzione le strutture sanitarie delle Unita' Locali previste dalla legge regionale 16 maggio 1980, n. 15, e comunque non oltre 30 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, le funzioni dalla stessa regolamentate continueranno ad essere svolte dagli uffici e servizi che attualmente le esercitano.


Art. 25: Dichiarazione d'urgenza

La presente legge e' dichiarata urgente ai sensi dell'art. 127 della Costituzione e dell'art. 38 dello Statuto regionale ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191