Legge Regionale 21 Gennaio 1975, n° 9
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloContributi sui danni prodotti alle colture e al bestiame dalla selvaggina stanziale protetta.
OggettoColture agrarie e patrimoni zootecnici - Danni prodotti da selvaggina stanziale protetta - Contributi - Entita' - Procedure
BollettinoBollettino Ufficiale n° 04 del 27/01/75
Catalogazione01.Agricoltura, foreste, zootecnia, bonifica e irrigazione
AbrogazioniAbrogata intera legge dalla legge n. 6/1983 art. 7
ModificheModificato art. 3 dalla legge n. 3/1977 art. 1
Modificato art. 4 dalla legge n. 3/1977 art. 2



Art. 1

La Regione, allo scopo di alleviare i danni che la selvaggina stanziale protetta arreca alle colture agrarie, ai patrimoni zootecnici ed agli apiari delle aziende agricole della Regione, concede contributi ai titolari di dette aziende nei limiti ed alle condizioni di cui alla presente legge.

Art. 2

Sono considerate selvaggina stanziale protetta, ai fini della presente legge, le seguenti specie di animali: cinghiale, lupo, orso bruno, marsicano, cervo e aquila reale.

Art. 3

La domanda intesa ad ottenere il contributo di cui all'articolo 1, convalidata dal Sindaco competente per territorio, deve essere presentata dal danneggiato all'Assessorato Regionale all'Agricoltura e Foreste, entro dieci giorni dall'evento dannoso.

Art. 4

L'accertamento e la valutazione del danno vengono effettuati dagli Uffici Tecnici della Regione sulla base delle risultanze obiettive della ispezione dell'azienda danneggiata.

Il verbale di accertamento del danno viene comunicato all'interessato, il quale entro dieci giorni dall'avvenuta comunicazione, puo' presentare all'Assessorato proprie osservazioni.

Art. 5

Sull'importo del danno accertato con le modalita' di cui al precedente articolo, su proposta dell'Assessore, viene concesso al danneggiato il contributo del 50% (cinquanta per cento) con deliberazione della Giunta Regionale.

Tale contributo e' elevato all'80% per gli allevatori che posseggano meno di trenta capi ovini.

Art. 6

I danni verificatisi dal 1° luglio 1974, per i quali sia stata presentata alla Regione domanda di risarcimento, saranno liquidati nella misura in cui al precedente articolo previa esibizione da parte dell'interessato di un atto di notorieta' comprovante il danno subito.

Art. 7

All'onere derivante dall'applicazione della presente legge si fa fronte per l'anno 1974 con la somma di 40 milioni da prelevare dal capitolo 3648 del bilancio regionale.

Per gli anni successivi la spesa necessaria, nei limiti della disponibilita' di bilancio, fara' carico all'apposito capitolo da istituire nel bilancio della Regione.

Art. 8

La presente legge e' dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 127 della Costituzione e dell'articolo 38 dello Statuto Regionale ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191