Legge Regionale 7 Gennaio 1985, n° 2
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloModifiche alla legge regionale del 20 giugno 1981, n. 12 e ulteriori provvidenze in favore dell'artigianato
OggettoArtigianato - Provvidenze - Tipologia - Procedure - Disposizioni
BollettinoBollettino Ufficiale n° 01 del 16/01/85
Catalogazione02.Artigianato
AbrogazioniAbrogata intera legge dalla legge n. 31/2000 art. art 1, primo comma, lettera kk)
ModificheModificato art. 1 dalla legge n. 33/1996 art. 2
Modificato art. 2 dalla legge n. 33/1996 art. 3
Modificato art. 3 dalla legge n. 33/1996 art. 4
Modificato art. 5 dalla legge n. 33/1996 art. 5
Modificato art. 7 dalla legge n. 33/1996 art. 6
Modificato art. 8 dalla legge n. 33/1996 art. 7



Art. 1

Il terzo comma dell'art. 18 della legge regionale 20 giugno 1981, n. 12, e' abrogato ed e' sostituito con il seguente:

<< Le imprese che beneficiano dei mutui e della locazione finanziaria agevolata, assistiti dai fondi regionali di garanzia, sono tenute a corrispondere una provvigione dell'1% annuo sul valore garantito >>.

Art. 2

Il primo comma dell'art. 19 della legge regionale 20 giugno 1981, n. 12, e' abrogato ed e' sostituito con il seguente:

<< In alternativa alle agevolazioni previste dai titoli precedenti, le imprese artigiane ed i loro consorzi, ai fini di realizzare investimenti dei tipi di cui agli artt. 4 e 14 della presente legge, possono avvalersi della locazione finanziaria agevolata attraverso specifici interventi della Regione Molise >>.

Art. 3

L'art. 20 della legge regionale 20 giugno 1981, n. 12 e' abrogato ed e' sostituito con il seguente:

<< Esercenti la locazione finanziaria agevolata >>.

La locazione finanziaria agevolata mediante l'intervento regionale sara' esercitata dalla FINMOLISE S.p.A.:

a) entro l'importo massimo di 700 milioni per ogni azienda, e/o cooperativa singola od in consorzio con altre, relativamente ad immobili destinati ad attivita' produttive e/o a servizi, impianti, macchinari e mezzi speciali semoventi costituenti un complesso produttivo organico, a beneficio di imprese artigiane, con priorita' per le nuove iniziative, disposte ad insediarsi in aree industriali e/o artigianali indicate dalla Regione Molise, purche' la superficie coperta da utilizzare da ciascuna impresa non superi i 1.500 mq.;

b) entro l'importo massimo di 300 milioni per ciascuna azienda e/o cooperativa singola od in consorzio con altre, relativamente ad immobili destinati ad attivita' produttive e/o a servizi, impianti, macchinari e mezzi speciali semoventi, a beneficio di imprese artigiane, con priorita' per le nuove iniziative, o per quelle che prevedono aumento occupazionale ovunque localizzate sul territorio regionale.

Art. 4

All'art. 21 della legge regionale 20 giugno 1981, n. 12, alla fine del 2° comma aggiungere i seguenti commi:

<< Per le operazioni di locazione finanziaria per le quali le Ditte artigiane godano di contributi in conto interessi corrisposti dall'Artigiancassa in base alle norme vigenti, il concorso della Regione e' limitato esclusivamente al contributo in conto capitale di cui al precedente punto a).

Nelle stesse convenzioni dovranno anche stabilirsi le modalita', i termini ed i limiti di operativita' della garanzia fidejussoria che la Giunta regionale e' autorizzata a concedere alla FINMOLISE S.p.A. per le obbligazioni derivanti ai locatari dalla stipulazione di contratti di locazione finanziario, FACTORING AGEVOLATO.

Art. 5

I soggetti beneficiari dell'art. 3 della legge regionale 20 giugno 1981, n. 12, possono stipulare contratti di cessione globale di crediti commerciali (factoring) mediante interventi agevolati a carico della Regione Molise.

Art. 6

I contratti di cessione globale di credito commerciale di cui al precedente art. 4 sono stipulati con la FINMOLISE S.p.A., nonche' con Societa' di Factoring o aziende di credito con la medesima FINMOLISE convenzionate.

Art. 7

Per i contratti di cessione globale di crediti commerciali spettano alle societa' di cui al precedente art. 5:

1) una commissione percentuale sugli importi ceduti nella misura del 2% a copertura delle spese di contabilizzazione, di gestione o di incasso dei crediti;

2) un interesse sulle somme anticipate rispetto alla scadenza dei pagamenti previsti dalle fatture stabilito in misura non superiore al tasso ufficiale di sconto.

Art. 8

Gli interventi agevolati della Regione Molise previsti dal 1 comma del precedente art. 6 consistono:

a) in un contributo pari al 50% della commissione di cui al n. 1 del precedente art. 6;

b) una quota pari al 50% dell'interesse stabilito al n. 2 del precedente art. 6.

L'ammontare complessivo del concorso regionale di cui alle precedenti lettere a) e b) verra' corrisposto per ogni singola operazione alle societa' di cui al precedente art. 5 che lo contabilizzeranno a favore del creditore cedente beneficiario.

Art. 9

Le operazioni di cui al presente titolo saranno regolate da apposita convenzione da stipularsi fra la Regione e la FINMOLISE S.p.A.

La convenzione dovra' fissare le modalita' per la determinazione del concorso regionale nelle singole operazioni nonche' quello dell'erogazione alla FINMOLISE S.p.A. del corrispondente importo.

Art. 10

Per l'acquisizione dei mezzi occorrenti per effettuare le operazioni di locazione finanziaria di cui alla legge regionale 20 giugno 1981, n. 12, e quelle previste dall'art. 4 della presente legge la FINMOLISE S.p.A., con garanzia fidejussoria della Regione, potra' contrarre prestiti sul mercato ordinario del credito.

La Regione assumera' a suo carico l'onere dei relativi interessi e spese accessorie, il cui complessivo importo dovra' essere contenuto nell'annuo ammontare di L. 500.000.000.

La Giunta Regionale e' autorizzata a concedere alla FINMOLISE la garanzia e ad erogare le somme di cui ai commi precedenti con le modalita' da stabilirsi nelle convenzioni di cui agli artt. 3 e 8.

Art. 11

All'onere derivante dall'applicazione della presente legge si fa fronte con quota parte dei fondi attribuiti alla Regione ai sensi dell'art. 9 della legge 16 maggio 1970, n. 281.

Per l'anno 1984, l'onere presunto della spesa, valutato in L. 650 milioni, e' posto, in quanto a 600 milioni di lire, a carico del capitolo n. 50920 gia' iscritto nel bilancio regionale per l'esercizio finanziario 1984 e per L. 50 milioni al capitolo n. 50925.

Nello stato di previsione della spesa del bilancio 1984 sono iscritti, per memoria, i seguenti nuovi capitoli di spesa:

- n. 50926 << Concorso regionale nelle operazioni effettuate da imprese artigiane per la stipulazione di contratti di cessione globale di crediti commerciali (factoring) >>;

- n. 50927 << Oneri annuali per l'ammortamento di prestiti contratti dalla FINMOLISE S.p.A. per l'acquisizione di mezzi finanziari da destinare ad operazioni di locazione finanziaria a favore di imprese artigiane >>;

- n. 50928 << Garanzie fidejussorie prestate alla FINMOLISE S.p.A. per la contrazione di prestiti da destinare ad operazioni di locazione finanziaria a favore di imprese artigiane >>.

Art. 12

La presente legge regionale sara' pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Molise.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


© molisedati spa - tel. 0874 6191