Legge Regionale 4 Novembre 1991, n° 20
La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialitą
TitoloTesto unico delle norme in materia di funzionamento e di assegnazione di personale ai Gruppi Consiliari.
OggettoRegione - Gruppi consiliari - Assegnazione di mezzi e personale - Disciplina
BollettinoBollettino Ufficiale n° 22 del 16/11/91
Catalogazione06.Consiglieri regionali e gruppi consiliari
ModificheModificato art. 2 dalla legge n. 4/2005 art. 3
Modificato art. 3 dalla legge n. 17/2002 art. 1
Modificato art. 3 dalla legge n. 43/2002 art. 1
Modificato art. 3 dalla legge n. 4/2005 art. 1
Modificato art. 3 dalla legge n. 14/2009 art. 1
Modificato art. 4 dalla legge n. 4/2005 art. 2
Modificato art. 5 dalla legge n. 14/2009 art. 2
Modificato art. 8 dalla legge n. 17/2002 art. 2
Modificato art. 8 dalla legge n. 43/2002 art. 2
Modificato art. 8 dalla legge n. 26/2006 art. 1
Modificato art. 1 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 3 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 4 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 5 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 6 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 7 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 8 dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. aggiunto 8-bis dalla legge n. 10/2013 art. 12
Modificato art. 3 dalla legge n. 25/2013 art. 3
Modificato art. 3 dalla legge n. 9/2015 art. 15
Modificato art. 8 dalla legge n. 9/2015 art. 15
Modificato art. 8-bis dalla legge n. 9/2015 art. 15
Modificato art. 3 dalla legge n. 1/2018 art. 2
Modificato art. 6 dalla legge n. 1/2018 art. 2


Art. 1

All'assegnazione dei mezzi finanziari e del personale necessario per il funzionamento dei Gruppi Consiliari si provvede, in attuazione dell'art. 11 dello Statuto della Regione Molise e degli artt. 16, 17 e 18 del Regolamento Interno, secondo le modalita' stabilite dalla presente legge.


Art. 2

Ciascun Gruppo Consiliare ha diritto all'assegnazione a cura dell'Ufficio di Presidenza, di una sede adeguata anche in relazione alla consistenza numerica.

L'Ufficio di Presidenza provvede, con spese a carico dei fondi di bilancio del Consiglio Regionale all'allestimento, arredamento ed attrezzature di dette sedi e ne verifica annualmente la congruita', sentiti i Presidenti dei Gruppi Consiliari.

I mobili, le macchine e gli altri oggetti assegnati ai Gruppi Consiliari sono elencati in separato inventario e sono dati in carico, con apposito verbale, ai Presidenti dei Gruppi che ne diventano consegnatari responsabili.

L'Ufficio di Presidenza provvede altresi' alle spese postali, telefoniche e di cancelleria, nei limiti stabiliti annualmente con apposita deliberazione e regolamenta l'accesso dei Gruppi al servizio stampa del Consiglio Regionale.


Art. 3

Per il funzionamento di ciascun Gruppo Consiliare, costituito a norma del Regolamento interno del Consiglio, e' previsto un contributo mensile, a carico dei fondi a disposizione del Consiglio Regionale, consistente:

a) in una quota fissa di Lire 1.500.000 (unmilionecinquecentomila);

b) in una quota variabile, ragguagliata nel modo seguente, in relazione alla consistenza numerica di ciascun Gruppo Consiliare:

1) Lire 600.000 (seicentomila) per ogni unita' fino a 3 (tre);

2) Lire 500.000 (cinquecentomila) per ogni altra unita' da 4 (quattro) a 10 (dieci);

3) Lire 400.000 (quattrocentomila) per ogni altra unita' oltre i 10 (dieci) consiglieri;

c) in una quota fissa di Lire 2.000.000 (duemilioni) per spese di aggiornamento, di stampa, di studio e documentazione, comprese le acquisizioni di consulenze qualificate e la collaborazione professionale di esperti, nonche' per la diffusione nella societa' civile della conoscenza dell'attivita' dei Gruppi Consiliari.


Art. 4

1) I contributi di cui all'articolo 3 sono erogati a rate trimestrali anticipate.

2) In caso di variazione nel corso dell'anno finanziario del numero e della consistenza dei Gruppi Consiliari, l'Ufficio di Presidenza fissa il nuovo contributo con effetto dal mese successivo a quello delle variazioni.

3) Entro il 31 gennaio di ogni anno i Presidenti dei Gruppi Consiliari presentano all'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale un rendiconto articolato circa l'utilizzazione dei fondi loro erogati nell'anno precedente. Tale documento e' approvato dall'Ufficio di Presidenza ed allegato alla rendicontazione prevista dall'art. 5 della legge 6 dicembre 1973 n. 853.

4) La mancata presentazione di tale rendiconto comporta la sospensione della corresponsione dei contributi di cui all'art. 3.


Art. 5

E' messo a disposizione di ciascun Gruppo Consiliare, costituito a norma del Regolamento Interno del Consiglio Regionale, il personale occorrente per il suo funzionamento, sulla base dei contingenti numerici previsti dalla Tabella A, allegata alla presente legge.


Art. 6

Il personale di cui all'art. 5 puo' essere scelto:

a) tra i dipendenti regionali di ruolo;

b) tra i dipendenti degli altri Enti Pubblici o Locali, a tal fine comandati presso la Regione Molise, aventi qualifica funzionale analoga a quella da ricoprirsi.

Il personale di cui alla lettera a) e' assegnato, su richiesta nominativa di ciascun Presidente di Gruppo, con deliberazione dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, che provvede preventivamente a verificare la compatibilita' dell'assegnazione con le esigenze di servizio degli uffici consiliari. Qualora la richiesta si riferisca a personale in servizio presso altri uffici regionali, il provvedimento e' deliberato d'intesa con la Giunta Regionale, cui compete la verifica di cui sopra.

La Giunta Regionale provvede, altresi', a seguito di richiesta nominativa di ciascun Presidente di gruppo, all'espletamento delle procedure previste dalla vigente normativa per il comando del personale di cui alla lettera b).

Per l'assegnazione ai Gruppi Consiliari deve essere formalmente acquisito, a cura del Gruppo proponente, l'assenso del dipendente.

I dipendenti assegnati ai Gruppi Consiliari conservano i diritti ed i doveri del proprio stato giuridico ed economico ed operano alle dipendenze del Gruppo Consiliare.



Art. 7

L'orario di servizio del personale di cui all'art. 5, le modalita' per l'effettuazione del lavoro straordinario, delle trasferte e delle missioni, sono disciplinate dai rispettivi presidenti dei Gruppi Consiliari, nel rispetto della normativa vigente in materia di personale dipendente della Regione. Gli oneri relativi alle indennita' per missioni affidate dai Gruppi Consiliari ai propri dipendenti sono totalmente a carico dei Gruppi stessi.


Art. 8

1) I Gruppi Consiliari che non possono ovvero non intendono avvalersi di personale regionale di ruolo o di personale dipendente di altri enti pubblici a tal fine comandato presso la Regione, ovvero che se ne avvalgono solo per una parte del contingente numerico loro spettante, ricevono per ogni altra unita' di personale non assegnata, un finanziamento mensile posticipato non superiore all'importo lordo degli emolumenti spettanti al dipendente regionale non utilizzato, oltre all'indennita' di fine rapporto, se dovuta.

2) I Gruppi Consiliari utilizzano tale contributo sia per le spese per prestazioni d'opera sia per le spese per eventuali incarichi a termine che si risolvono, in ogni caso, alla data delle elezioni per il rinnovo ordinario o anticipato del Consiglio Regionale.

3) Il finanziamento di cui al presente articolo e' corrisposto con deliberazione dell'Ufficio di Presidenza ed e' commisurato all'effettivo impiego di personale, debitamente documentato.


Art. 9

Sono abrogate le seguenti norme:

a) legge regionale 5 settembre 1978, n. 21;

b) legge regionale 20 gennaio 1982, n. 4;

c) legge regionale 29 agosto 1986, n. 13;

d) legge regionale 7 giugno 1991, n. 6.


Art. 10

Gli oneri conseguenti all'applicazione della presente legge gravano sulle spese generali di funzionamento del Consiglio Regionale, nel quadro della gestione autonoma dei relativi fondi previsti dagli artt. 11 e 12 dello Statuto e dalla legge 6 dicembre 1973, n. 853.

Alle spese si provvedera', per l'anno in corso, facendo carico al Capitolo n. 500- <<Contributi per il funzionamento dei Gruppi Consiliari>> - del Bilancio di previsione per l'anno finanziario 1991, che presenta sufficiente disponibilita' e, per gli anni successivi, allo stesso o corrispondente Capitolo.


Art. 11

La presente legge e' dichiarata urgente, ai sensi dell' art. 1 secondo comma della Costituzione e dell'art. 38 dello Statuto Regionale, ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.

E' fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Molise.


Tabella <<A>>

CONTINGENTI NUMERICI E QUALIFICHE DEL PERSONALE DA ASSEGNARE AI GRUPPI CONSILIARI

Consistenza numerica dei gruppi
IV Liv.
V Liv.
VI Liv.
VII Liv.
VIII Liv.
Totale unitą
    Fino a 2 Consiglieri
1
1
2
    Da 3 a 6 Consiglieri
1
1
1
1
4
    Da 7 a 12 Consiglieri
2
1
1
1
1
6
    Oltre 13 Consiglieri
1
2
1
2
1
7

© molisedati spa - tel. 0874 6191